Pilates trainer | Donna in Gravidanza
20629
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-20629,page-child,parent-pageid-20610,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.2.3,vc_responsive
 

DONNA IN GRAVIDANZA

L’attività fisica in gravidanza deve essere svolta in maniera accurata; cerco di insegnare alle mie ragazze ad ascoltare il proprio corpo, per permettere a corpo e mente di vivere in armonia. Il lavoro in gravidanza è una sorta di viaggio, nel quale la donna riscopre sé stessa, per ritrovare il proprio equilibrio fra corpo e mente, assecondando la proprio natura e lasciandosi guidare dal suo corpo.

 

I vantaggi del lavoro motorio in gravidanza sono molteplici: controllo del peso corporeo, incremento del tono muscolare, miglioramento della flessibilità, una maggiore efficienza del sistema cadiorespiratorio, minori gonfiori e dolori alla schiena. Vi sono dei vantaggi ormonali (dovuti alla liberazione delle endorfine), preparazione del perineo e prevenzione di profilassi e incontinenza (lavoro sul pavimento pelvico), facilitato recupero post-partum e miglioramento emozionale-psicologico (pilates, stretching, pancafit, antigravityyoga.

 

Particolare attenzione deve essere rivolta al rinforzo del pavimento pelvico, con i cosiddetti esercizi di Kegel. Per Pavimento pelvico si intende un insieme di legamenti che sostengono utero, uretra, vescica e retto. L’ obiettivo fondamentale è di tonificare la muscolatura profonda. Alcuni fattori possono favorire il cedimento di questi muscoli: gravidanza, obesità, sollevamento pesi, causando dei problemi sia nella sfera fisica che sessuale.

 

Gli esercizi di Kegel si rivelano utili per problemi di incontinenza urinaria, prolasso uterino, eiaculazione precoce, disfunzione erettile, parto, iperplasia prostatica benigna (per il trattamento del dolore e gonfiore prostatico). Gli esercizi di Kegel sono molto semplici, devono essere eseguiti in maniera controllata senza risultare eccessivi, si deve iniziare con la vescica svuotata, perché la vescica piena può indebolire il muscolo pubococcigeo e provocare difficoltà nello svuotamento successivo della vescica. Si eseguono delle contrazioni del pavimento pelvico, (lavoro a corpo libero o col ausilio di piccoli palloni spugna o morbidi), tenendo la contrazione per 5-10″; la sequenza viene ripetuta 2-3 volte al giorno, il lavoro di respirazione permette di avere maggiore concentrazione e senso di rilassatezza.

Continuando la navigazione si accetta di utilizzare i cookies presenti nel sito. Dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close